Piano Socio Sanitario Regionale 2010-2014

Dalla cura al prendersi cura“. È questo lo slogan del capitolo riguardante la Salute nel nuovo Piano Regionale di Sviluppo voluto dalla Regione Lombardia. L’obiettivo del piano è modificare in maniera radicale il modo di fare assistenza sanitaria, fornendo un servizio dove al centro vengano poste le persone e il loro benessere.

Le nuove regole vengono indicate dalla Direzione Generale della Sanità che rende operative per il 2011 le novità introdotte dal Piano Socio Sanitario Regionale.

Quali sono le novità? Un esempio dei nuovi servizi introdotti sono le Strutture Subacute, strutture che hanno lo scopo di accogliere i pazienti che non presentano più rischi gravi per la loro salute, ma non possono ancora essere dimessi. Si tratta di micro strutture realizzate attraverso la trasformazione di circa 1000 posti letto, che saranno poi inseriti e utilizzati per pazienti che non hanno necessità di cure particolari, ma che hanno ancora bisogno di assistenza infermieristica.

Un’altra iniziativa interessante è il Cronic Related Gruop (CReG), uno strumento che segue passo dopo passo il paziente affetto da una cronicità specifica e lo accompagna in tutte le attività, non solo quelle ambulatoriali, garantendogli diagnosi e cura anche lontano dall’ospedale. Sicuramente si tratta di un ottimo strumento di supporto a chi, come il Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza, deve garantire la tutela della salute del lavoratore.